Terre. blog
880.jpg
Fausto Trucillo (Blogger)
faustotrucillo@terre.it
Idee geniali per sentirsi sostenibili (o quasi).
  • Revolutionary Road

    Le iniziative di alcuni paesi europei per promuovere la sostenibilità a tavola.

    Le notizie di oggi non sono freschissime, ma ve le giro lo stesso, prima che scadano. Si tratta di due iniziative, una svedese e una della regione spagnola dell'Andalusia accomunate dall'attenzione a un prezioso strumento: l'etichetta dei cibi. Sia a nord che nell'estremo sud dell'Europa sono nate iniziative per promuovere un'alimentazione più rispettosa dell'ambiente tramite la certificazione e l'indicazione sul prodotto.

    In Svezia hanno ridefinito le regole per poter definire un prodotto come biologico: entro il 2012 i produttori dovranno attenersi a normative molto più rigide come la lotta ai prodotti chimici e l'impiego di energia pulita per il funzionamento dei trattori. Una serie di indicazioni che rendono la certificazione bio svedese tra le più rigide a livello mondiale.

    In Andalusia viceversa hanno posto l'attenzione sulle emissioni: un'etichetta mostrerà la quantità di co2 prodotta per il confezionamento di ogni prodotto. Nella fase iniziale l'etichettatura sarà obbligatoria per tre prodotti, pomodorini, olio d’oliva e un vino andaluso, prima di essere estesa ad ogni tipologia di alimento.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Da anni la certificazione è al centro di un vivace dibattito: una garanzia di controllo o un marchio per creare una nicchia di mercato? In attesa della risposta è fondamentale osservare le sperimentazioni di altri paesi europei, per poi proporre l'introduzione delle normative più efficienti anche nel nostro paese. Sempre in attesa dell'introduzione dei commenti nel blog [argh..] sarò lieto di pubblicare altre esperienze di certificazione innovativa in giro per il mondo.

Per inserire un commento registrati o effettua il login in alto a destra
0 commenti

Suggerimenti
Altri blog
Creative Commons License
i contenuti di questi blog sono rilasciati sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia.