Terre. blog
880.jpg
Fausto Trucillo (Blogger)
faustotrucillo@terre.it
Idee geniali per sentirsi sostenibili (o quasi).
  • Revolutionary Road

    La risposta di un lettore del blog sull'iniziativa contro lo spreco dell'acqua.

    La voglia di essere un po' irriverente mi ha portato la scorsa settimana a scherzare su pratiche un po' "estreme" per risparmiare acqua, come fare la pipi nella doccia o diminuire il numero di volte che si tira lo sciacquone. Lungi da me la volontà di incoraggiare lo spreco d'acqua! Faccio immediatamente ammenda e pubblico (con l'assenso dell'autore) la risposta di un lettore che non le trova per niente estreme (in attesa che vengano abilitati i commenti, mi sembra sano un po' di dibattito su questo e altri temi). L'unica aggiunta che vorrei fare è che, al di là dei casi più evidenti, non esista una "bibbia" con le azioni che si devono compiere per forza per salvare il mondo, ma che esistono molte scelte, non sempre facili, che ognuno deve prendere in considerazione e eventualmente intraprendere. Non sempre sono le stesse per tutti e forse anche questo è il bello.

    egregio fausto,
    ti scrivo proprio mentre la voce della mia compagna esce dal bagno chiedendomi "devi far la pipì??"
    e' una domanda che si sente fare di frequente, a casa nostra. e' una domanda che lei ed io ci facciamo vicendevolmente ogni volta che uno dei due ha terminato di fare la pipi', prima di pigiare il pulsante dello sciacquone (che, ovviamente, ha la possibilita' di interrompere il flusso d'acqua che, diversamente, sarebbe dodecalitrico.. un po' troppo per una o due pipì, non credi?).
    ecco, questo e' uno dei piccoli gesti che, ormai da anni, abbiamo deciso di praticare per risparmiare acqua. come bagnare le piante con l'acqua usata per lavare l'insalata o chiudere il rubinetto mentre ci laviamo i denti o mentre ci insaponiamo e laviamo soitto la doccia (dove facciamo anche la pipì, senza che ce lo siano venuti a dire i brasiliani).

    leggere il tuo "NO! siamo seri" e, soprattutto, cio' che seguiva il tuo imperativo mi ha letteralmente lasciato incredulo.
    classificare come invadente l'intelligente (non puo' che essere definita diversamente) proposta di livingstone oppure ridicolizzare un'altra astuzia come il ri-utilizzo dell'acqua della pasta e/o giudicare ossessionati "questi brasiliani", ecco, questi atteggiamenti sono quanto di meno necessario (e di più omologato) ci sia da diffondere in questa nostra becera ed ignorante societa' del consumo (di noi che siamo considerati piu' consumatori che cittadini) e dello sfruttamento (e degli sfruttati) di ciò che la terra può offrirci.

    penso e credo che l'ossessionato non sia affatto chi cerca e trova strumenti e mezzi per risparmiare risorse, bensì chi, come te, per comodita', non riesca (o voglia?) vedere un centimetro oltre il proprio naso.
    egoista mancanza di lungimiranza, si chiama, questo atteggiamento.. ed e' tipico dei peggio (come i nostri attuali) governanti.
    da ricordare, sempre: noi siamo ospiti di questo pianeta.

    saluti
    igor, abbonato di terre.

     

Per inserire un commento registrati o effettua il login in alto a destra
0 commenti

Suggerimenti
Altri blog
Creative Commons License
i contenuti di questi blog sono rilasciati sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia.