Terre. blog
880.jpg
Fausto Trucillo (Blogger)
faustotrucillo@terre.it
Idee geniali per sentirsi sostenibili (o quasi).
  • Pensierini

    Un 18enne nepalese ha prodotto un pannello solare che sfrutta come conduttore i capelli.

    A 18 anni si fanno un sacco di cose: si esce con gli amici, si guardano le partite, si studia, si guardano le partite (l'ho già scritto?). In Nepal evidentemente non guardano le partite, ma costruiscono piccoli pannelli solari. Sarebbe una notizia sensazionale in sè il fatto che un 18enne si sia progettato il suo pannello da solo, ma c'è dell'altro. Il costo finale per produrre il pannello è di 23 sterline. Milan Karki, l'inventore, è riuscito infatti a inventare un sistema che al posto di utilizzare il silicone usa capelli umani, un materiale decisamente meno costoso. Avete letto bene: si tratta proprio di capelli, un materiale di cui bene o male tutti sono dotati (vabbè, quasi tutti, ogni riferimento a altri blogger di terre di mezzo è puramente casuale).

    Con un pannello così composto si può produrre energia per ricaricare un cellulare oppure un piccolo apparecchio elettronico. Di seguito il link all'articolo del Daily Mail, in basso invece un potenziale produttore di pannelli solari colombiano.

    Aggiornamento: sembra proprio che si tratti di una bufala. Qui potete trovare un articolo di Craig Hyatt che dimostra come non si riesca a usare i capelli per produrre energia. Peccato (per i capelloni)

Per inserire un commento registrati o effettua il login in alto a destra
0 commenti

Suggerimenti
Altri blog
Creative Commons License
i contenuti di questi blog sono rilasciati sotto la Licenza Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia.